“Specchi ciechi”, poesie di Giulio Marchetti


Amici di Calcio alla Poesia, è uscito il nuovo libro di poesie di Giulio Marchetti intitolato Specchi ciechi, prefazione di Maria Grazia Calandrone, postfazione di Vincenzo Guarracino e nota di Riccardo Sinigallia (Puntoacapo Editrice). Ringrazio il nuovo entrato Giulio Marchetti e la Puntoacapo Editrice per il permesso di pubblicare sul blog due liriche estratte dalla sua silloge di fresca pubblicazione. (Nell’immagine la copertina del libro)

Scivolare

Indovina
la sciagura di un esilio,
il mistero di una quiete
assassina, l’anello mancante
di una congiunzione senza senso,
senza fine.
Moltiplica
gli istanti di pausa, fino al vertice
della noia. Da lì
si può solo cadere, scivolare
nella speranza di un tronco o una roccia
sporgente, appena prima
dell’oblio: scivolare
ognuno con la sua velocità,
in base al proprio peso
e alla propria solitudine.

* * *

Mosaico

Come sacchi vuoti
il vento abbatte
le verdi colline.
Ogni parola,
una metafora
del nulla.
Si uniranno le stelle
in un mosaico di luce
o resteranno perse
nel buio?

* * *

Per gentile concessione di Giulio Marchetti e Puntoacapo Editrice

NOTA BIOBIBLIOGRAFICA
Giulio Marchetti è nato a Roma nel 1982. Ha esordito in volume con Il sogno della vita (Novi Ligure, 2008), finalista al “Premio Carver” e segnalato con menzione speciale della giuria al Premio “Laurentum”.
Nel 2010 ha pubblicato, con prefazione di Paolo Ruffilli, Energia del vuoto (Puntoacapo), seguita nel 2012 da La notte oscura (ibidem). Con “Cieli immensi”, tratta da quella raccolta, ha vinto il Premio “Laurentum” 2011, sezione sms.
La notte oscura ha ottenuto il III posto al Premio Nazionale di Arti Letterarie “Città di Torino” e al Premio Internazionale “Tulliola” ed è stato finalista al Premio “Città di Sassari”.
Nel 2014 ha riunito le precedenti pubblicazioni e la sezione inedita Disastri nella raccolta Apologia del sublime (Puntoacapo), segnalata al Premio “Città di Sassari”.
Nel 2015 ha pubblicato Ghiaccio nero (Ladolfi), premiato con menzione speciale di merito e medaglia d’onore al Premio Internazionale di poesia Don Luigi Di Liegro.
Con la poesia “A metà”, è stato inoltre selezionato per Il fiore della poesia italiana (tomo II – i contemporanei), un ambizioso progetto antologico che raccoglie il meglio della poesia italiana sotto la curatela di autorevoli esperti (Puntoacapo, 2016).
Della sua poesia si è occupato, fra gli altri, il Prof. Gabriele La Porta, storico conduttore e direttore Rai.

Commenti disattivati sul sito. Per tua comodità, scrivi il commento sulla pagina Facebook di Calcio alla Poesia. Grazie.