Poesia: “Dedicata a Una Lei” di Franco Dolcini


Dedicata
a
Una
Lei

Una signora senza tempo

per la strada andava schiva

all’umanità alquanto rada

appesantita dal sacco-casa

gonfio di ridotte cose

strappando il respiro al suo scampo
 

Attirata da un cestino a un palo

si è avvicinata e le mani

ha affondato per rovistare

tra tanto altrui inutile rifiutato

ma per il suo oggi necessario,

allontanarsi è stato un caduco calo
 

Passo dopo passo

a un altro porta rifiuti

lei ha diretto l’attenzione

io l’ho seguita con sguardo discreto

fascino curioso

e cortese lasso
 

Dopo conscia esplorazione

e una selezione sicura

fra vuoti plastici e pubblicità impossibili

di bastoncino munito e ancora gonfio

di colore rosa estrae un palloncino,

sorride più ricca di emozione
 

Lo tiene lo guarda lo muove è vivo

è suo e con lui sale sul tram alla fermata

che poco dopo è partito verso la città

seguita dal mio cuor contento

che mi fa sentire nuovo e sano.

Strane cose a Milano.
 
 
(14 febbraio 2014-14 luglio 2015)
 
 
Come dice Sandro Veronesi, ″una cosa esiste solo quando c’è l’occhio che la vede″, così si attua la ricerca continua.
 
 
Per gentile concessione di Franco Dolcini

 
 
La tua impressione è preziosa

Un pensiero su “Poesia: “Dedicata a Una Lei” di Franco Dolcini

  1. Una preziosa perla. Un piccolo racconto poetico di un frammento quotidiano,
    ahimè, non felice ma reale. Il leggerla è quasi recitare un monologo a teatro.
    Un esempio di dove arrivi la sensibilità di Franco Dolcini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *